PIANTE VELENOSE PER IL GATTO

Chiunque conviva con uno o più gatti, sa bene come il micio possa essere attratto da piante, o fiori secchi. Attenzione però, perchè mangiando le foglie di alcune piante, può incorrere in intossicazioni gravi, e talvolta anche fatali.

Persino certi antiparassitari per piante, da spruzzare sulle foglie, qualche volta possono avere un odore gradevole per il micio, che attirato a leccarle, può imbattersi in conseguenze facilmente immaginabili.

ELENCO DELLE PIANTE VELENOSE PER IL GATTO

  • Piante la cui linfa o il lattice può irritare o bruciare gli occhi e/o la pelle

Aracee: dieffenbachia, alocasia/colocasia/xanthosoma (com: orecchio d’elefante, varie dimensioni e specie), anthurium (com: pianta Flamingo), arisaema, caladium, monstera (rampicante), philodendron (filodendro), zantedeschia (giglio calla).

Euforbiacee: poinsettia (com: stella di Natale), croton, pedilanthus (com: stella di Natale del Giappone).

Ficacee: hevea (com: albero della gomma), ficus.

 

  • Piante il cui contatto provoca dermatiti allergiche

Amarillidacee: allamanda, narciso, giunchiglia, clivia, crinum (giglio ragno), hippeasthum (com: amaryllis).

Tiliacee: sparmannia, tiglio d’appartamento.

Compostite: crisantemo.

Primulacee: primula.

Liliacee: tulipano, chlorophytum (comu: pianta del ragno verde), giacinto, sansevieria (com: lingua di suocera).

  • Piante la cui ingestione provoca disturbi digestivi

Aracee – Liliacee – Amarillidacee – aucuba (com: Aoki, polvere d’oro) – mimosa del Giappone – allamanda – Euforbiacee – ciclamino – ficus – vischio – agrifoglio – rododendro – azalea – erba morella.

  • Piante la cui ingestione provoca altri disturbi

Disturbi renali gravi: philodendron – ficus

Disturbi cardiovascolari: ciclamino – vischio – rododendro

Turbe nervose: Amarillidacee – vischio – villucchio – mimosa del Giappone – philodendron – erba morella

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lista tratta da: “La grande encicolopedia del gatto” De Agostini

siti
In classifica
motori di ricerca italiani